5 commenti

  1. Vorrei leggere cento storie al giorno così! Ingenua ma che si dirige come una freccia al cuore del problema, al rispetto che l’uomo deve avere per il suo ambiente, che gli permette di vivere … non siamo altro che un ingranaggio di un congegno molto delicato, ma siamo anche un ingranaggio molto particolare, capace di pensare e di scegliere se agire bene o agire male, nessuno ci toglierà mai la responsabilità dei danno che causiamo.
    Un caro saluto!

  2. Lorenzo

    Mi fa tanto piacere vi piaccia ma soprattutto che faccia nascere altri pensieri e altre parole. Lo spunto per questo tema della montagna è stato molto banalmente un concorso sulle fiabe. Ad interessarmi è stato il fatto che fossero i bambini a giudicarle e questo mi sembrava bello. I contenuti arrivano da una chiacchierata con dei bambini in un vecchio centro estivo di tanti anni fa. Io non ho fatto altro che prendere la struttura della fiaba (che da sola ha una forza propria) e l’ho “colorata” con i personaggi e le idee che mi venivano. Siete stati molto efficaci a dare nome ad alcune cose che nel racconto escono solo con immagine. Si sà che la fiaba arriva in modo diretto ai bambini e ai ragazzi; è un veicolo di valori e messaggi efficace. i nostri bimbi e ragazzi hanno bisogno di sentire che si parli di certi temi, di certi aspetti; ma non basta la parola, non basta l’intervento educativo, non basta spiegare dobbiamo dare l’esempio e la fiaba lo fa. Dobbiamo educare i bambini e le nuove famiglie all linguaggio delle emozioni, al linguaggio degli affetti, tornare al sacro. Sacro inteso come sacralità della vita innalzandosi sopra ogni ogni chiesa o religione. Se solo l’uomo “sentisse” in modo empatico che l’unica cosa sacra è la vita…
    Scusate mi sto perdendo 🙂
    Le fiabe lavorano da tempi imprecisati; arrivano da culture più antiche della nostra; parlano di un sacro che non era impregnato di religione e di chiesa/fedi. Calvino ci ha insegnato che le fiabe sono Vere. Le fiabe arrivano dalle popolazioni di cacciatori primitivi e sono ancora come le raccontavano allora … questa cosa, solo questa, è sufficiente per farne sentire la potenza! E le montagne… le montagne anche loro arrivano da lontano…
    grazie per i vostri commenti arricchiscono ancora di più la mia storiella 🙂
    buona vita a tutti

  3. Lorenzo

    Di quest’ultima non mi sono mai approcciato mentre con alba marcoli a marzo seguirò un corso con lei. Non vedo l’ora!!! 🙂

Rispondi a Net23 Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.