Sognando un’altra riva

Stefano Marino

 

Il suo paese si affacciava sul Mediterraneo, un immenso specchio liquido tra le terre, sulle cui rive erano nate e si erano sviluppate varie civiltà, distanti per tradizioni, differenti per cultura, accomunate solo dall’amore per il mare. Era quello un mare antico, ricco di tesori ancora da scoprire, fonte di vita e di speranza, ma per molti  ricordo di sogni infranti e di dolore. Cammino impervio, minaccioso, eppure scelto come via di transito o di fuga, una distesa da oltrepassare per raggiungere un diverso approdo.

Seduto sulla sabbia assolata, lo osservava ogni giorno e con la mente andava lontano, oltre a ciò che lo sguardo riusciva a vedere e immaginava l’altra sponda, la gente, le case, gli odori, i sapori, i rumori. Avvertiva il bisogno di conoscere il mare dall’ultima parte dell’orizzonte per  immergersi in un’altra dimensione e scoprire la bellezza dell’incontro con l’ignoto. Lì voleva vedere le onde accarezzare la battigia prima di essere risucchiate dalla risacca. Lì voleva correre a piedi nudi sull’arena umida, raccogliere conchiglie da avvicinare alle orecchie per ascoltare il canto del mare. Si domandava se, cambiando prospettiva, la grande distesa di acqua mostrasse le stesse sfumature che lui vedeva dalla sua terra. Desiderava ammirare il sole tuffarsi tra i flutti per cedere il posto alla sera nascente e risorgere al mattino sulle acque ancora addormentate. Credeva nell’esistenza della ricchezza nel nuovo che si incontra sul cammino. Si ripeteva che  il nuovo rappresenta il termine di confronto  per ritrovarsi e che tutto ciò non sarebbe possibile se ad ognuno non fosse consentito di spostarsi, evitando così di restare ancorato alle poche certezze e  alle verità sfumate imposte dall’”isolamento”. Per lui restare equivaleva ad andare contro natura, soffocare la libertà di essere, rimanere relegato  in un piccolo spazio dove non avrebbe trovato le condizioni per svilupparsi pienamente. Rifletteva e ambiva ad attraversare il mare. Questo gli avrebbe offerto infinite possibilità, districando i fili raccolti nel gomitolo dei desideri e delle emozioni per poi accrescersi mossi dalla curiosità. Avrebbe appreso, accolto e come uno scrigno custodito, donando al contempo parte di sé.

Non era un gabbiano libero di volteggiare sul mare. Era un ragazzo come tanti, animato dalla sete di sapere. Il suo cammino poteva essere breve, ma nella sua brevità infinito. La bellezza era la meta, ma ancora di più il viaggio, già iniziato sognando un’altra riva, un altro porto, un’altra vita.

                                                                                                                                                                                                                          Maria Lucia Tarantino

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Post navigation

  2 comments for “Sognando un’altra riva

  1. antonella
    29 agosto 2017 at 14:38

    Un brano che mischia paesologia, un diverso punto di vista riguardo la migrazione e la consapevolezza che incontrare l’Altro ci rivela qualcosa di noi ancora ignoto rendendoci in qualche modo compiuti.

  2. Daniela Cataldi
    29 agosto 2017 at 14:42

    Bellissimo…….sembra di leggere nel pensiero a ognuna di quelle persone…..<3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.